El Tajo – The toxic mine

Peru, 2017-2019

Cerro de Pasco has more then 70.000 inhabitants and it grew around an enormous open pit called El Tajo. A crater two kilometers long and wide and almost one km deep. The history of the city developed hand by hand with the development of El Tajo. More the crater grew and more the town grew and more the town grew more the crater swallowed pieces of it. The first city square, the first church, the first hospital. All swallowed and sacrificed to the open pit mine that, during the years, has produced tons of copper, lead, zinc, gold and silver.

Despite millions of dollars generated by over 400 years of mining exploitation, today Cerro de Pasco is one of the poorest cities in Peru. The health system is almost inexistent, the educational system is close to the collapse and the population does not receive any help from the government. The inhabitant of Cerro de Pasco live in a situation of social and economic exclusions without any possibility to escape a live at the shadow of El Tajo.

Moreover, the pollution caused by 60 years of industrial extraction made Cerro de Pasco one of the most polluted places on earth. If international standards were applied, 100% of the population would urgently hospitalized for the presence of heavy metals in their bodies. 33% of the infant mortality is due to congenital malformations and the incidence of cancer is four time the national average.

 

 

Cerro de Pasco ha più di 70.000 abitanti ed è cresciuta intorno a un’enorme miniera a cielo aperto chiamata El Tajo. Un cratere lungo e largo due chilometri e profondo quasi un chilometro. La città è cresciuta con l’ampliarsi de El Tajo. Più cresceva il cratere e più cresceva la città e più la città cresceva più il cratere ne inghiottiva pezzi. La prima piazza cittadina, la prima chiesa, il primo ospedale. Il tutto inghiottito e sacrificato alla miniera a cielo aperto che, negli anni, ha prodotto tonnellate di rame, piombo, zinco, oro e argento.

Nonostante i milioni di dollari generati da oltre 400 anni di sfruttamento minerario, oggi Cerro de Pasco è una delle città più povere del Perù. Il sistema sanitario è quasi inesistente, il sistema educativo è prossimo al collasso e la popolazione non riceve alcun aiuto dal governo. Gli abitanti di Cerro de Pasco vivono in una situazione di esclusione sociale ed economica senza alcuna possibilità di sfuggire a una vita all’ombra di El Tajo. Inoltre, l’inquinamento causato da 60 anni di estrazione industriale ha reso il Cerro de Pasco uno dei luoghi più inquinati della terra.

Se fossero applicati gli standard internazionali, il 100% della popolazione sarebbe ricoverata d’urgenza per la presenza di metalli pesanti nei loro corpi. Il 33% della mortalità infantile è dovuta a malformazioni congenite e l’incidenza del cancro è quattro volte la media nazionale.

 

Source International sostiene la comunità di Cerro de Pasco da più di dieci anni fornendo loro supporto scientifico e legale per consentire loro di difendere i propri diritti. Negli ultimi anni Source International sta lavorando per spingere le istituzioni internazionali a riconoscere il caso del Cerro de Pasco come un crimine contro l’umanità.

 

Awards
2021 – Belfast Photo Festival, Shortlist
2021 – Zine Tonic Award, Honorable Mention
2020 – Zeiss Photography Award, Shortlist
2020 – MIFA, Honorable Mention
2020 – IPA, Honorable Mention

Featured on
Die Zeit